Wines from the Manara winery (IT)

Filter
      11 products

      11 products


      Logo vom Weingut Manara aus der Toskana

      The Azienda Agricola Manara was founded in San Floriano in 1950 and has been rooted in the Valpolicella region for four generations. She continues the long tradition of winemaking with passion and experience.

      The Manara winery produces Amarone since 1950 together with all other typical Valpolicella wines such as Valpolicella DOC Classico, the ValpolicellaRipasso DOC Classico and the Recioto della Valpolicella DOCG Classico.

      Amarone della Valpolicella is a wine with a deep red color that tends to garnet with age. The scent is reminiscent of dried fruits, tobacco and spices. The taste of great intensity, dry but very smooth, full of body. AmaroneConsidered the most important of the Veronese and Italian red wines, it was born from the evolution of Recioto.


      Video: Winemaker Davide Manara introduces himself and his winery

      A wine from which the most refined lovers from around the world have come to appreciate the unique accent, the strong character of the old but modern and current wine that conveys the grandeur, charm and authentic magic of Valpolicella.

      In the fourth century AD, Cassiodorus, Minister of Theodoric, King of the Visigoths, describes in a letter a wine that was obtained with a special grape drying technique, then called "Acinatico", and that was produced in the area around Valpolicella.

      Acinatico is undoubtedly the ancestor of Recioto and Amarone. Back then in Valpolicella only Recioto was made, a velvety and sweet wine. Over time and the climate change between the seasons, the post-fermentation grapes, although processed in the same way as in the past, gave a remarkable dry wine compared to the original. This is how the Amarone, the name denotes its characteristic bitter aroma. The first examples were not bottled until the early 20th century for family or friends use. However, the actual marketing only began after the war and in 1968 the Denomination of Controlled Origin DOC was recognized.).

      Gelesene Trauben beim Weingut Manara
      Image: Grapes after harvest at the Manara vineyard

      During the grape harvest, particular care is taken to ensure that the grapes are perfectly healthy and have reached full ripeness so that they can successfully survive the delicate drying phase. The current production specification provides for the following grape composition: Corvina at least 45 - 95 and Corvinone max. 50 only if this replaces the Corvina grape in the same percentage. The Rondinella grape can be added in a proportion of 5 to 30. In addition, "non-aromatic red grapevines" max. 15, which are approved and recommended by the DOC regulations for the province of Verona.ohlen sind.

      The grapes are carefully selected in the vineyard and, after the harvest, placed with the greatest care in wooden or plastic boxes or on bamboo poles in a single layer to allow the air to circulate better and to prevent the grapes from being squashed and then in large and well-ventilated fruit rooms Relocated over the cellars. This ensures that the grapes are ideally preserved.

      The grapes stay in the fruit vaults for three to four months and are constantly monitored to promptly eliminate the berries affected by rot and harmful mold until they lose at least half of their weight and, as the water evaporates, the concentration of the desired amount of sugar in an extent of 25-30 is reached..

      Trocknung der Trauben beim Weingut Manara
      Image: Drying the grapes in the Manara winery

      In this particular phase, a number of complex transformations take place in the grapes; the acidity decreases, the concentration of polyphenols and above all glycerine and other substances increase considerably. These transformations make the wine appear different from wines made from normal fresh grapes.

      After drying, the grapes are pressed after another careful examination. The processing of the dried grapes enables oneWine which subsequently requires quite long maturation times in barrels and bottles.

      This complex process gives the wines produced great emotions and inimitable properties, an original taste, a direct expression of a unique territory, even when aged for several years.
      The natural complement of both methods is the refinement of the wines in wooden containers; Large barrels made of Slavonian oak up to small barrels made of French oak of 225-300 liters, the latter favoring a faster aging of the wines.

      The Manara family represents two different onesAmarone especially for their different maturation in the cellar. Of theAmarone della Valpolicella DOCG Classico "Corte Manara" has been produced since the company was founded in the 1950s. The grapes are selected during the harvest phase in various own vineyards Corvina 70, Rondinella 20, other grape varieties 10.10%).

      Soft pressing, maceration of the must and slow fermentation in stainless steel tanks for 40-60 days. Maturation begins in large 23 HL barrels made of Slavonian oak for about 24 months and continues in stainless steel tanks. The refinement in the bottle varies between 6 and 12 months.n.

      Amarone della Valpolicella DOCG Classico "Postera" has been produced by Manara since 1995 in smaller quantities and not in all vintages. The grapes are selected during harvest from a single layer of Corvina grapes 70, Rondinella 20, Croatina, Oseleta 10.10%).

      Soft pressing, maceration of the must and slow fermentation in stainless steel tanks for 40-60 days. The subsequent maturation in barriques and tonneaux made of French oak lasts about 18 months, then in stainless steel tanks. The refinement in the bottle varies between 6 and 12 months.

      The production of Ripasso, Amarone's little brother

      ValpolicellaRipasso DOC is obtained from the contact of the simple Valpolicella wine with the residual marc of Amarone over a period of 15 to 20 days. It is characterized by a higher structure and longevity than the normal Valpolicella wine, also by a higher alcohol content, lower acidity and higher roundness and by higher extracts and phenolic substances.

      Der Ripasso, der kleine Bruder des Amarone
      Image: Wine barrel with the logo of the Manara winery in St. Floriano on Lake Garda

      The winemakers from Valpolicella have always used the phrase "Ripasso", a precise winemaking technique for" Valpolicella ", which has a long tradition that is not used in any other region.

      The only term that in any way refers to "Ripasso"is the technique called" government ": a technique that was mainly used in Tuscany in the past in particular and consists in re-fermenting wine with dried grapes and therefore not with fermented pomace as in the case of the Ripasso.

      Ripasso is very reminiscent of a story of "rural common sense", economy versus waste. What a contemporary subject. The history ofRipasso was in fact born with the same logic of "nothing is thrown away". There is a lot of truth in popular sayings here.

      Of theRipasso arose from a desire not to "waste" what the Recioto pomace had soaked after the wine was skimmed: complex aromas, alcohol, sugar and tannins, a fruit so precious it was a real shame to throw it away .

      Valpolicella, a red wine made in September that was often light and fresh in the past, was "returned" to this marc.

      Because the ValpolicellaRipasso Became a DOC controlled designation of origin in April 2010, Valpolicella wine is macerated with fermented pomace from dried grapes previously used for the production of Recioto orr Amarone were used.

      In practice, after the must wine has been drawn off, after the marc in the fermentation tank has drained more or less strongly, Valpolicella wine made from fresh grapes is added to the same container that contains the still partially fermented marc.


      Video: Davide presents and the winery and wine Valpolicella Ripasso


      From a qualitative point of view, the results depend on the type of for the ValpolicellaRipasso The wine used depends on the ratio of its quality to that of the marc, the amount of liquid still present in the fermented marc and the contact time.

      For this reason we try to reduce the contact in order to achieve a simple washing out of the liquid soaked in the marc.

      The Manara family produces a ValpolicellaRipasso D.O.C. Classico Superiore "Le Morete" made from 70 Corvina grapes, 20 Rondinella grapes and 10 other grape varieties. The grapes are gently pressed immediately after harvest and then ferment in stainless steel tanks. The simple Valpolicella wine produced in this way is placed on the marc for a second fermentation after the Amarone wine has been bottled. This old technique is called "t "RipassoThe maturation of the wine takes place in 20 HL barrels made of Slavonian oak and French oak barrels and has a duration of approx. 12 months, with subsequent maturation in the bottle for approx. 6 months.

      About the author Davide Manara from the Manara winery

      Young winemaker Davide Manara, 28 years old, has taken over the winemaking tradition of his family in the 4th generation. The Manara winery has been located in San Floriano between Lake Garda and Verona since 1950. For three generations and with the gradual entry of the fourth generation, the Manara family has continued its winemaking tradition with passion and experience and continues to have strong and loyal ties to the region.

      Winzer Davide Manara in seinem Weingut
      Image: Davide Manara at a tasting of his wine in the winery

      All production steps are carried out entirely by the Manara family, who therefore have great confidence in their wines. Customers are invited at any time to visit the company and the vineyards directly in order to capture and appreciate the passion and authenticity that accompany the entire process flow.

      The search for innovation cannot be separated from respect for tradition. Only in this way can the recognition of the wines be maintained without neglecting the constant search for the most modern and effective production techniques.

      "We have to respect the characteristics of the terroir in order to produce recognizable wines”

      The original text by Davide Manara below was taken from the Italian of Sommelier Andrea Vestri Translated from Munich into German. Andrea regularly writes guest posts on Winteory.net and most recently published the article‘The wine country of Italy explained in 3 minutes’. You can reach Andrea via his homepage or accounts at Instagram, Facebook and XING.



      In the blog ofMichael senses from Vocella.de two articles about the Manara winery have been published that we recommend:



      Italienisch


      ITALIANO

      Amarone e Ripasso dellAzienda Agricola Manara sul Lago di Gardaa

      LAzienda Agricola Manara nasce a San Floriano nel 1950 e da quattro generazioni radicata fortemente al territorio porta avanti la tradizione vitivinicola con passione ed esperienza..
      La cantina Manara produce Amarone dal 1950 insieme a tutti gli altri vini tipici della Valpolicella come il Valpolicella DOC Classico; il Valpolicella Ripasso DOC Classico e il Recioto della Valpolicella DOCG Classico.
      LAmarone della Valpolicella is a vino dal color rosso carico tendente al granato with linvecchiamento. Il profumo ricorda la frutta passita, il tabacco e le specie. Il sapore di grande intensità, asciutto ma di molta morbidezza, con corpo pieno. LAmarone, considerato come il più importante dei rossi veronesi e italiani, nasce dallevoluzione del Recioto.oto.
      Un vino, di cui i più raffinati appassionati di tutto il mondo hanno imparato ad apprezzare l'accento unico, il carattere spiccato di vino antico ma moderno e attuale, in grado di testimoniare la grandezza, il fascino, l'autentica magia della Valpolicella.
      Nel quarto secolo dopo Cristo, Cassiodoro, ministro di Teodorico, re dei Visigoti, descrive in una lettera un vino ottenuto con una speciale tecnica d'appassimento delle uve, chiamato allora Acinatico, prodotto in quel territorio denominato Valpolicella.a.
      L'Acinatico è senza dubbio l'antenato del Recioto e dell'Amarone. Un tempo in Valpolicella era prodotto solo il Recioto, un vino vellutato e dolce, ma con il passare del tempo ed il mutare delle stagioni, le uve, sebbene lavorate nella stessa maniera, diedero progressivamente vita, a seguito della fermentazione, ad un vino notevolmente più secco rispetto all'originario. Nacque so, prendendo il nome dalla sua caratteristica vena amarognola, l'Amarone, i cui primi esemplari presero ad essere imbottigliati solo nei primi anni del Novecento per un uso familiare o destinati agli amici. La commercializzazione vera e propria ebbe però inizio solo nel dopoguerra e nel 1968 arrivò il riconoscimento della Denominazione d'origine controllata DOC.).

      Durante il periodo di raccolta delle uve si presta molta attenzione a che le uve siano perfettamente sane e giunte a piena maturità, di modo che possano affrontare con successo la delicata fase dell'appassimento. Il disciplinare di produione vigente prevede che l'uvaggio sia composto da uve Corvina dal 45 al 95, è tuttavia ammesso in tale ambito la presenza del Corvinone nella misura massima del 50, in sostituzione di una pari percentuale di Corvina, Rondinella dal 5 al 30 Possono concorrere i "vitigni a bacca rossa non aromatici, autorizzati e raccomandati per la provincia di Verona", previsti, sino ad un massimo del 15, dalla Doc.a Doc.

      Possono concorrere alla produione di detti vini, fino ad un massimo del 25 del totale le uve provenienti dai vitigni::

      • a bacca rossa non aromatici, ammessi alla coltivazione per la provincia di Verona, nella misura massima del 15 con un limite massimo del 10 per ogni singolo vitigno utilizzato;o;
      • classificati autoctoni italiani ai sensi della legge n. 82/06 art.2, a bacca rossa, ammessi alla coltivazione per la Provincia di Verona, per il rimanente quantitativo del 10 totale..

      Le uve sono attentamente selezionate in vigna e una volta raccolte disposte con ogni cura in un unico strato, per fare meglio circolare l'aria e impedire che le uve si schiaccino, in cassette di legno o plastica o su graticci di canne di bambù e collocate in ampi fruttai ricavati sopra le cantine perfettamente aerati e in grado di assicurare un'ideale conservazione dei grappoli.
      Le uve sostano nei fruttai per tre / quattro mesi, costantemente visionate, per eliminare tempestivamente eventuali grappoli intaccati da marciume e muffe dannose, sino a che non perdono almeno la metà del loro peso e con l'evaporazione dell'acquione la concentrazgiunge zuccheri desiderata nella misura del 25-30..

      In questa particolare fase nelle uve avvengono una serie di complesse trasformazioni, dalla diminuzione dell'acidità, aumenta la concentrazione dei polifenoli e aumenta considerevolmente anche la glicerina e altre sostanze che rendono il vino otteno da complete all'appassimente diverse otteno dall'appassimente diverse d'uve fresche.
      Ultimato l'appassimento, dopo un ulteriore, attento controllo, le uve sono sottoposte a pigiatura. La lavorazione delle uve appassite consente di ottenere un vino che richiede successivamente tempi abbastanza lunghi d'affinamento in botte ed in bottiglia.

      Questa complessa lavorazione regala grandi emozioni e inimitabili caratteristiche ai vini prodotti, un gusto originale espressione diretta di un territorio unico, also con un invecchiamento di parecchi anni.
      Completamento naturale di entrambi i metodi è l'affinamento dei vini in contenitori di legno, che variano dalle grandi botti di rovere di Slavonia alle piccole botti di rovere francese da 225-300 litri, questultime favoriscono una più rapida maturazione dei vini..

      La Famiglia Manara produce due Amarone diversi fra loro nello stile, soprattutto per la loro diversa strada che intraprendono durante la maturazione in cantina.

      LAmarone della Valpolicella DOCG Classico Corte Manara viene prodotto da quando lAzienda è nata, negli anni 50, e la selezione delle uve, durante la fase di vendemmia, viene fatta in diversi vigneti di proprietà Uvaggio Corvina vitina 70 - Rondinella 20 - Altri.igni 10%).

      Viene fatta una pigiatura soffice, macerazione sulle bucce e lenta fermentazione in serbatoi di acciaio inox per la durata di 40/60 giorni.

      La maturazione viene fatta in botti grandi di rovere di Slavonia da 23 HL. e ha la durata di about 24 mesi, successivamente prosegue in serbatoi di acciaio inox. Laffinamento in bottiglia varia dai 6 ai 12 mesi..
      LAmarone della Valpolicella DOCG Classico Postera viene prodotto dallAzienda dal 1995 in un quantitativo minore e non in tutte le annate.ate.

      Viene fatta la selezione delle uve, durante la fase di vendemmia, e viene fatta in un'unica zona Uvaggio Corvina 70 - Rondinella 20 - Croatina, Oseleta 10. Pigiatura soffice, macerazione sulle bucce e lenta fermentazione in serbatoi di acciaio inox per la durata di 40/60 giorni. Continua la maturazione in barrique e tonneaux in rovere francese ha la durata di circa 18 mesi, successivamente prosegue in serbatoi di acciaio inox. Laffinamento in bottiglia varia dai 6 ai 12 mesi. mesi.

      La realizzazione del Ripasso, il fratellino dell'Amarone

      Il Valpolicella Ripasso doc è ottenuto dal contatto del Valpolicella base sulle vinacce residue dell'Amarone per circa 15/20 giorni. Esso risulta caratterizzato da una maggior struttura e longevità rispetto al Valpolicella base, da una maggiore alcolicità, da un'acidità più bassa e una maggior rotondità, da un più elevato valore in estratti e in sostanze fenoliche.
      Since semper produttori e tecnici della Valpolicella hanno individuato with the termine "Ripasso" una precisa tecnica enologica di elaborazione del vino "Valpolicella" che vanta una lunga e consolidata tradizione, mentre non trova, per quanto è dato a sapersi, nivalente equivalent in pratreica regioni.

      L'unico termine che in qualche maniera può ricordare il "Ripasso" è la tecnica denominata "governo": tecnica praticata, soprattutto in passato, principalmente in Toscana che consiste nel far ri-ferimentare del vino con uve appassite e non quindi con vinacce come nel caso del ripasso.

      Il Ripasso ricorda molto una storia di buon senso contadino, di economia contro spreco, un tema tanto contemporaneo. La storia del Ripasso nasce, infatti, con la stessa logica del non si butta via niente che abbiamo semper sentito abbinare al maiale e ai suoi derivati. Quanta verità nei detti popolari.ari.

      Il Ripasso nasce so dalla volontà di non sprecare ciò di cui rimanevano intrise le vinacce del Recioto una volta svinato il vino: aromi complessi, alcol, zuccheri e tannini un frutto tanto prezioso che era un vero peccato buttar via.a.
      So su queste vinacce veniva ri-passato il Valpolicella, un vino rosso, vinificato in Settembre, che in passato era spesso leggero e frescoco

      Divenuto una denominazione di origine controllata nell'aprile 2010, il Valpolicella ripasso prevede dunque una macerazione del vino Valpolicella con vinacce fermentate di uve appassite precedentemente utilizzate per la produione del Recioto o dell'Amarone.

      In pratica, alla svinatura del mosto-vino, dopo aver sgrondato staticamente in maniera più o meno intensa le vinacce nel tino di fermentazione, si pone del vino Valpolicella ottenuto da uve fresche nel medesimo recipiente a contatto con le vinacce ancazione in par.

      As un punto di vista qualità, i risultati dipendono dalla tipologia del vino utilizzato per il Valpolicella Ripasso, dal rapporto della sua qualità rispetto a quella delle vinacce, dalla quantità di liquido ancora presente nelle vinacce fermentate e dal tempo di contatto.

      Per questo motivo quindi che si cerca di ridurre il contatto al fine di ottenere una semplice lisciviazione del liquido imbevuto nelle vinacce.

      La Famiglia Manara produce un Valpolicella Ripasso D.O.C. Classico Superiore Le Morete Uvaggio: Corvina 70 - Rondinella 20 - Altri vitigni 10. Pigiatura soffice subito dopo la raccolta e fermentazione in serbatoi di acciaio inox, quindi, dopo la svinatura dellAmarone, il vino ottenuto precedentemente una immesso sulphate . Questa antica tecnica viene chiamata Ripasso. La maturazione del vino viene fatta in botti di rovere di Slavonia da 20 HL. e barrique in rovere francese e ha la durata di approximately 12 mesi, with successivo affinamento in bottiglia di approximately 6 mesi.ca 6 mesi.

      Informazioni sull'autore Davide Manara

      L'azienda agricola Manara è presente a San Floriano dal 1950. Da tre generazioni, e con lingresso graduale della quarta generazione, la famiglia Manara porta avanti la propria tradizione vitivinicola con passione ed esperienza, restando fortemente e fedelmente legata alla terra chei lha vista formars e crescere.e.

      La filiera produttiva è gestita interamente dalla famiglia Manara, che per questo ripone grande fiducia nei propri vini. I clienti sono pertanto semper invitati a visitare direttamente lazienda e i vigneti, per poter cogliere e apprezzare tutta la passione e l'autenticità che accompagnano lintera sequence delle lavorazioni.i.

      La ricerca dellinnovazione non può prescindere dal rispetto della tradizione. Solo in questo modo la riconoscibilità dei vini può essere mantenuta, senza tralasciare mai la continua ricerca delle più modern ed efficaci tecniche di produione..

      “Bisogna rispettare le caratteristiche del terroir per realizzare vini riconoscibili”